Apinacoteca.com

Weinstein è un maniaco

In questi giorni non faccio che leggere del caso Weinstein o, meglio, della pubblica gogna contro Asia Argento. Amando il degrado come fosse una forma d’arte, non ho potuto fare a meno di tuffarmi nella lettura dei più svariati articoli di giornalisti diversamente intelligenti (tipo Feltri, per citarne uno dei più coglioni). Questa operazione mi si […]

Leggi tutto...

Vendo Gadget! Anzi no.

Approvata alla Camera con 261 sì, 122 no e 15 ‘di cosa stiamo parlando?’, una norma che estende una legge del 1952 già riveduta e corretta nel 1993. Ma zio Benito non è morto nel 1945? Ancora se ne parla? Sì ma, aspettate! Qui si vuole bloccare la propaganda volta alla ricostituzione del partito! Significa […]

Leggi tutto...

Fraudosessualità

Impariamo a imbrattarci la faccia! (senza vergogna) Perché persone prive di gusto e di padronanza della lingua vogliono insegnare ad altre a fare cose inutili? Qual è il vero scopo degli innumerevoli tutorial di trucco che girano su youtube? Sono forse strumento di un diabolico piano per la conquista del mondo da parte degli alieni? […]

Leggi tutto...

L’uomo che paga le donne

Quel poeta di Mogol, che di amor sempre cantò, secondo il mio modesto parere ha raggiunto l’apice della sua fama con Battisti per il semplice fatto che il compianto Lucio deve aver corretto il contenuto dei testi migliori. Sono convinta fosse Battisti quello che usciva nella Brughiera dove non si vede a un passo per […]

Leggi tutto...

Eh… L’amore cieco e sordo

Donne, immaginatevi la scena. Vi siete inspiegabilmente innamorate di un uomo con orridi denti, panza gonfia e quattro ciuffi spelacchiati in testa, probabilmente attratte dal suo carisma o dalla sua eloquenza caprina o chissà da che cosa; in fondo l’amore è cieco, irrimediabilmente cieco e, diciamocelo, pure parecchio sordo, un filino zoppo, indubbiamente masochista ed […]

Leggi tutto...

Vincere facile

In tema di citazioni, sapete chi diceva che “il comico è solo il tragico visto di spalle”? Nemmeno io, ma sono d’accordo con lui perché è la spiegazione più plausibile a quella mia risatina isterica che nasce subito dopo aver buttato dai due ai dieci euro per un gratta e vinci. Sì, rido di gusto per la mia drammatica situazione […]

Leggi tutto...

Marx (quello che non fa ridere)

Groucho Marx, comico statunitense del secolo scorso che non fa ridere nemmeno per sbaglio. Che dire? Le premesse erano buone: newyorkese, ebreo, brontolone… insomma, un antesignano di Woody Allen, truccato come Charlie Chaplin, non può che far ridere. Invece no, né doppiato, né in lingua originale: proprio non c’è verso. Più che regalare sorrisi, strappa […]

Leggi tutto...

L’arte di trattare le donne

Cosa può esistere di più divertente della filosofia? Soprattutto quando a far ridere è la serietà con la quale il pensatore in questione espone la sua riflessione assurda e, molto spesso, mero frutto di nevrosi. Tra i miei filosofi prediletti c’è, ovviamente, chi di cazzate ne ha dette tante. Uno su tutti: Schopenhauer. Avvicinatami a lui […]

Leggi tutto...